Istituto Cervantes, tra cultura napoletana e spagnola

 

Istituto Cervantes, tra cultura napoletana e spagnola

 

Non tutti sanno che nel quartiere di Santa Lucia a Napoli – precisamente in Via Nazario Sauro – esiste una sorta di oasi per gli amanti della cultura ispanica, così calda e vicina alla nostra. Tale luogo privilegiato è l’Istituto Cervantes, che ha varie sedi nel mondo per favorire la concezione e la conoscenza dell’ispanico.

L’edificio si compone di back office dov’è possibile richiedere informazioni, sale dove studenti di ogni età svolgono lezioni ed esami, sotto la guida di docenti madrelingua, per conseguire attestati di vari livelli della lingua spagnola, e infine la variegata biblioteca Rafael Alberti.

Naturalmente la maggior parte dei volumi sono di lingua castigliana, ma ve ne sono diversi in italiano e alcuni riguardano la cultura napoletana per omaggiare la città che ospita la sede. E’ possibile chiedere in prestito romanzi, libri didattici per esami, dizionari, saggi, film, e infine il piano superiore è dedicato ad Alessandra Riccio, docente che regalò alla suddetta biblioteca una quantità industriale di volumi di letteratura ispano-americana.

Il personale si compone di madrelingua, d’impiegati italiani e tirocinanti di università convenzionate, che devono comunque masticare il castigliano. Nel complesso si tratta di un ambiente giovanile, cordiale, che organizza eventi culturali e intrattenimento anche per i più piccoli.

Insomma, una tappa obbligata per tutti coloro che amano il calore di Napoli e la cultura spagnola.

Per orari e giorni di apertura, si può consultare il link del sito ufficiale dell’istituto.

 

Related posts

Leave a Comment